I segnali che lui ti tradisce: quali sono

Purtroppo, alcune persone cadono proprio dalle nuvole quando vengono lasciate dal partner oppure vien detto loro che il marito ha una frequentazione, come un fulmine a ciel sereno! A ben guardare però, spesso capita di ripensare al passato e caprie che i segnali di una relazione extraconiugale c’erano tutti. Quelli elencati di seguito sono alcuni campanelli d’allarme tipici di una relazione fuori dal rapporto di coppia.

Molti impegni famigliari

Forse lui ti sta tradendo se dice di avere molti impegni famigliari in cui tu non sei inclusa. Potrebbe dirti che sua madre ha bisogno di aiuto a montare un mobile o con la spesa, mentre invece se ne va dalla sua amante. Se ti è possibile, prova a insistere per andare con lui per scoprire se effettivamente stava mentendo oppure no.

Come usa il suo telefono smartphone

Non è possibile nemmeno con l’intervento di un valido investigatore privato avere accesso allo smartphone di tuo marito poiché si tratta di violazione della privacy. Tuttavia, ci sono comunque alcune soluzioni per capire se ha qualcosa da nascondere. Chi ha un’amante, infatti, non perde mai di vista il telefono smartphone perché potrebbero arrivare in ogni momento messaggi, chiamate e notifiche da app di messaggi istantanei da parte dell’altra donna.

È sempre al lavoro

Essere bloccati al lavoro è una delle scuse che più spesso gli uomini usano per organizzare i loro incontri clandestini. Se all’improvviso il tuo compagno inizia a lavorare di più senza che però abbia avuto una promozione, ricevuto un incarico più prestigioso, non ci sia un periodo noto per il super lavoro, etc. potrebbe esser il caso di preoccuparsi un po’.

Si prende più cura di sé

Spesso chi inizia una relazione, si prende più cura del suo aspetto fisico. È abbastanza normale che con il passare del tempo in una relazione consolidata, ci si lasci un po’ andare mentre per fare nuove conquista, alcuni iniziano una dieta, fanno sport, rinnovano il look.

Per avere subito ulteriori dettagli, fai click su investigatore-privatoroma.it